fbpx

La mia vita tra blog, social ed eventi
Oggi vi racconto di quanto sia stato emozionante far parte della Super Giuria durante l’ottava edizione del Trofeo San Lucio indetto da Asso Casearia Pandino – l’Associazione dei diplomati della Scuola Casearia di Pandino, il cui Presidente è Daniele Bassi)

Il Trofeo San Lucio nasce con l’obiettivo di premiare il Tecnico Casaro che è stato capace di creare un formaggio di qualità, perfetto nel suo genere.
Formaggio, Trofeo San Lucio

Il mio weekend a Pandino è cominciato il giovedì sera con Dolci Sapori, una serata di degustazione di quattro tipologie di formaggi abbinati a quattro tipi di pane e due di frutta candita. La serata è stata animata da Carla Bertazzoni e … entrambi professori della Scuola Casearia di Pandino. Ve ne parlo qui, cliccate il link se siete curiosi → link
Il sabato mattina la Scuola Casearia ospiti i tecnici Onaf (Organizzazione Nazionale assaggiatori formaggi) e ex studenti della Scuola Casearia.

N. 351 formaggi provenienti da 100 caseifici da tutta Italia, suddivisi in 25 categorie, degustati da tre giurie

  • Assaggiatori Onaf (Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Formaggi)
  • I consumatori che, con schede semplificate hanno degustato i formaggi tenendo conto di quello che sarà il gradimento all’acquisto.
  • Super Giuria costituita da Giudici Onaf e giornalisti il cui compito era quello di valutare l’aspetto tecnologico.

Dei 351 formaggi ne sono stati selezionati 25. Uno per categoria
E la domenica mattina tempo di Super Giuria con l’arduo compito di degustare i 25 formaggi selezionati per categoria e decretare così il vincitore.

Il cosiddetto primo tra i primi

La Super Giuria era così composta:

  • PierCarlo Adami – Presidente Onaf
  • Elio Ragazzoni – Giornalista Onaf – Rivista Informa
  • Pierangelo Battaglino – Maestro Assaggiatore ONAF
  • Oreste Pattini – Tecnico tecnologo caseario e Maestro Assaggiatore ONAF
  • Prof Ivano de Noni – Nutrizionista – Università di Milano
  • Giada Galbignani – Local Blogger

Non è stato semplice, questo ve lo devo proprio dire, degustare 25 tipi diversi formaggi per quanto siano state piccole parti richiede davvero molto impegno. Una delle cose che non sapevo e che ho imparato quella mattina è che per togliere il gusto di formaggio in bocca si mangi la mela verde. Voi lo sapevate?


Insomma mai avrei pensato di ricoprire un ruolo così decisivo in un evento così importante nell’ambito caseario. Ma non è finita! 😉 Non vi ho ancora svelato il vincitore! Dovrete attendere il 1 maggio 2018 quando ci sarà la premiazione ufficiale e io sarò presente per la consegna del trofeo. Sono già emozionata!

Stay Tuned!
Giada

Show Full Content
Previous Come cucinare il Salmone: ricetta facile e sfiziosa
Next Vinitaly, la più importante manifestazione dedicata al mondo del vino

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

NEXT STORY

Close

Scrivere su Facebook, 5 utili consigli per un copy vincente

12 Gennaio 2020
Close